Richiedi un preventivo gratuito

Equilibrio vita lavoro; trasparenza condizioni lavoro, approvati decreti

0

Approvati dal Consiglio dei Ministri il 22 giugno nella seduta n.84 due schemi di decreto legislativo in attuazione di altrettante direttive UE riguardanti equilibrio tra attività professionale e vita familiare e condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili.

I provvedimenti sono illustrati in una nota del Ministero del Lavoro. Riassumiamo.

Il primo schema di decreto approvato riguarda la direttiva 2019/1158 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2019, relativa all’equilibrio tra attività professionale e vita familiare per i genitori e i prestatori di assistenza e che abroga la direttiva 2010/18/UE del Consiglio. Prevede:

  • a regime il congedo di paternità di 10 giorni fruibile in 2 mesi;
  • sale a 11 mesi il congedo parentale per il genitore solo;
  • fino a 9 mesi congedo parentale con indennità del 30%;
  • 12 anni età del minore per la fruizione del congedo;
  • indennità maternità per lavoratrici autonome e libere professioniste;
  • sanzioni per i datori di lavoro che ostacolano i congedi e impossibilità di ottenere la certificazione della parità di genere.

Il decreto e la direttiva applicata modificheranno il D.Lgs. 26 marzo 2001, n. 151, la Legge n. 104/1992, la Legge n. 81/2017 e il D.Lgs. n. 81/2015.

Il secondo decreto è in attuazione della direttiva 2019/1152, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione europea. Prevede:

  • norme sulla prevedibilità e sulla chiarezza in merito alle informazioni sui rapporti e sulle condizioni di lavoro;
  • obblighi informativi gravanti sul datore di lavoro anche per contratti di lavoro non standard.

Modificherà in particolare il D.Lgs. 26 maggio 1997, n. 152.

Ti potrebbe interessare

Contenuti sponsorizzati
    Condividi questo articolo